Gli oberdanini Vicig e Spadaro si laureano campioni d'Italia


TRIESTE - Lunedì 12 Marzo 2018 di Emanuele Destew, "il Piccolo"

Sventola per ben due volte il vessillo gialloblu sul gradino più alto del podio, a Gubbio. Ai Campionati italiani di cross svoltisi per il terzo anno consecutivo nel Parco Teatro Romano della città umbra, la Trieste Atletica si laurea società campione d'Italia sia nella prova di staffetta sia nella classifica combinata uomini del giorno successivo. Sabato è andata in scena la prova dedicata alle staffette di società, in cui ogni quartetto schierava un atleta di ogni categoria (Allievi, Juniores, Promesse, Senior) che percorreva un tracciato di 2 km prima di consegnare il "testimone" virtuale al compagno di squadra. La Trieste Atletica difendeva il titolo conquistato l'anno scorso e si è presentata alla gara di questa stagione con buone possibilità di giocarsi nuovamente il titolo. Poche ore prima del via, la formazione A della società triestina doveva rinunciare al suo ultimo frazionista designato, Andrea Seppi, costretto ai box dall'influenza. Il sodalizio gialloblu ha schierato di conseguenza Fabio Vicig in apertura, Pietro Spadaro, Jacopo De Marchi, Patrick Nasti. Nelle prime due frazioni Vicig e Spadaro si sono difesi egregiamente portando il proprio team nelle posizioni a ridosso del podio. A metà gara la Trieste Atletica si assestava in 5° posizione mentre in testa alla gara prendeva il largo il Malignani Udine trascinato dallo scatenato junior Zavagno. De Marchi, dopo una partenza accorta, si rendeva protagonista di una rimonta inarrestabile e a metà della sua frazione aveva ripreso il fuggitivo Nicosia. L'atleta, nativo di Cervignano, non esitava a mettere la freccia sull'avversario, in evidente difficoltà, provando a dare il cambio a Nasti con più margine possibile sugli inseguitori. Gli ultimi 2 km sono stati un continuo susseguirsi di colpi di scena con un finale thrilling. Nasti sembrava capace di gestire la prova a suo piacimento ma a 400 metri dal traguardo Matteo Spanu (Malignai Udine) spuntava alle sue spalle e provava a chiudere la contesa a suo favore. Ma l'ex atleta delle Fiamme Gialle nel rettilineo finale compiva il capolavoro sopravanzando l'avversario negli ultimi 30 metri con una volata di carattere, regalando il trionfo alla banda allenata da Roberto Furlanic. Ieri per la società gialloblu è stata un'altra giornata indimenticabile grazie al successo conquistato nella classifica combinata con un solo punto di vantaggio su "La Fratellanza Modena". Tra le fila gialloblu spicca il 4° posto conquistato dalla squadra junior, composto da Tommaso Rota, Pietro Spadaro e Federico Zamò, triatleta autore di una splendida gara conclusa al 16° posto.

Ultima modifica il 10-11-2020